Dayiri: il custode circolare

Una volta mi chiamavano Dayiri, e mi dissero di esser nato a Dahab, nella terra da cui provenivano i terribili saracini.
E’ così lontano quel giorno che oramai credo di esser la leggenda che dicono io sia…
Le mie forme arrotondate mi hanno sempre permesso di avvicinarmi agli avventori senza incutere timore: ma perchè poi avrei dovuto…EDM_3171
Come ogni giorno, in passato, oggi e per l’eternità a venire, son qui a raccontarvi di cose semplici.
Del perchè io sia qui, cosa importa…00 Morcicchia ID2016
Importa certo parlarvi dell’Hummus, anzi no, dei ceci in brodo.
Ed ancor più del Laadass, uff! stolto!, delle lenticchie stufate…locandina_GianoE’ importante che ve ne parli perchè il pensatore, tal Ernesto forestiero, ogni tanto se ne inventa qualcuna per cercar di raccontare ai terrestri delle storie strampalate: e questa volta si farà aiutare da elucubratori lagunari e perugini, ammaliando i convenuti con piatti a base di prodotti locali, che ha imparato a conoscere vivendosentendomangiando.
Cercherà di mitigare la rudezza dei legumi con bevande pensate in valle ma portate agli onori terracquei dai teutoni suoi ascendenti, facendole ritornare, come in un cortocircuito impazzito, attualmente locali e pertinenti: e sarà così che grazie a Santa Lucia farà scendere i primi bocconi facilmente.
E se proprio non dovessero bastarvi, crescia caciotta e salsiccia cruda, altro povero ma alto desinare locale, vi sarà offerto parallelamente ad un docil vinello dal nome altisonante: Nessuno

A questo punto sarò della ballotta per poter (di nascosto, ovvio…) assaggiare quella strana combinazione di grano e germe di soia che risponde al nome di Aliveris, la pasta spazzina…
Inumidita con ricotta fresca ed impreziosita d’olio san Felice ed uno spruzzo di tartufo o in un trionfo di patè d’olive e pomodorini freschi, le due alternative son così allettanti che…
…che berci insieme sant’Emiliano l’ambrato parrà disdicevole, ma solo allo sprovveduto…

E se ancora doveste avere posto nei vostri docili e striminziti stomaci, pronti sarete a pucciar intra lo Sagrantino appassito i sapienti tozzetti dolci, per poter finalmente capire che, chi vi sta parlando, è solo frutto dei fumi dell’alcool appena ingerito…
…o forse no?3188-IM

Una volta mi chiamavano Dayiri, e mi dissero di esser nato a Dahab, nella terra da cui provenivano i terribili saracini.
E’ così lontano quel giorno che oramai so di esser la leggenda che dicono io sia…Invasione-compiuta

Mori Circola or mi chiamano: Morcicchia, per servirvi…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...