#Torino2006: io c’ero…

Passion lives here

sestriere tre torriSono passati 10 anni…
Cominciò tutto molto prima, per la precisione ad ottobre 2005, quando fui chiamato a sostituire il solito raccomandato a fotografare le prove degli spettacoli delle cerimonie di apertura e di chiusura dei ‘XX Giochi olimpici invernali di Torino 2006‘, che già detto così inducono timore…                                                                        Trucco-parrucco
Il simpaticone di turno era visibilmente impreparato e fu accantonato, e nonostante  finirà col prendere 5 volte quello che guadagnerò io senza aver fatto 1/100 di quello che poi ho fatto…                                                                               DSC_0041EdM
Grazie alla sua manifesta incapacità (a detta del committente…), ho vissuto una delle esperienze indimenticabili della mia umile e piccola vita.                              Personaggi-1
Fotografare nel mega-impianto delle vecchie acciaierie ILLVA di Torino in pieno inverno torinese non fu proprio una passeggiata, ma l’adrenalina e la convinzione di essere parte di una di quelle cose che lasceranno il segno mi assalì da subito…Personaggi-2
Se poi ci mettiamo che, soddisfatti del sostituto, i gran capi de L’Oreal Paris mi chiesero di essere IL fotografo per loro conto dei backstage delle 3 cerimonie (apertura, chiusura e Paralimpiadi) il tutto cominciò a farmi rendere conto di cosa stesse accadendomi…Personaggi-4
Ma non era finita lì, perchè il fotolaboratorio professionale per cui umilmente lavoravo come loro fotografo esterno mi propose una di quelle esperienze che solo da incoscienti si possono accettare: gestire nel mese di febbraio il negozio KODAK all’interno del villaggio olimpico di Sestriere.                                                                             olympic village 01
Io ovviamente dissi di si.                                                                                   murazzi 01R-murazzi 02W
Molti forse non lo ricordano più, ma il 3 di febbraio di quell’anno, allestendo il negozio all’interno di una struttura ancora non ultimata, mi resi conto che, come italiano, stavo per fare con tutto il mio paese una delle figure più barbine possibili: Sestriere era verde, ricoperta di erba e di fiorellini di campo, c’era il sole e 16°C e della neve non v’era nemmeno l’ombra!!!                                                                                palavela 02
Ma poi, come in tutte le favole che si rispettano, il 6 cominciò a perturbarsi il cielo e…torino 2006 02
Ma andiamo con ordine, raccontando la giornata-tipo di quel mitico febbraio:               _torino-2006-Vela-Pattini
– Sveglia alle 5.20, bus sotto casa alle 6.00 per essere in stazione a Porta Nuova e prendere il treno che ci portava a Bussoleno.
– Alle 8.00 scendi dal treno e prendi il bus/navetta per Sestriere (quando non saltava…) ed arrivo al villaggio olimpico alle 9.50, giusto in tempo per aprire il negozio alle 10.00.
– Dopo aver parlato ogni lingua tranne la tua, pranzato al volo quando ce n’era il tempo (4 chili in meno in un mese…), chiudevo il negozio alle 20.00, quindi fuori di corsa a prendere il bus 9 volte su 10 sotto la neve e sottozero, scendi a Bussoleno, riprendi il treno e poi il bus a Torino ma non per andare a casa, ma nel laboratorio a prendere le stampe dei files inviati (con la connessione del 2006…) ed il più delle volte a fermarti a stampare una mezz’ora  altra roba, poi riprendi il bus per casa ed a letto alle 1.30 (ma anche dopo, alle volte…).                                                                                      Personaggi-3
Tutto questo ogni giorno quasi tutti i giorni, tranne ovviamente il 10 per la cerimonia di apertura a Torino, il 19 per una medal Plaza con concerto annesso di Anastacia ed il 26 per la cerimonia di chiusura.                                                                                                  Personaggi-5
…chi me l’ha fatta fare?                                                                                       Personaggi-6
Anatoliy, il mio Amico Kazako, Volumnia, l’Amica accompagnatrice greca che parlava meglio francese che italiano (…ed inglese…), Sam l’americano del Nevada continuamente, perennemente ubriaco, i simpaticissimi fondisti scandinavi che non spiccicavano UNA parola di inglese (poi siamo noi quelli che non lo parlano…), Su Yan l’accompagnatore degli atleti cinesi che conosceva 9 parole d’inglese e si inchinava per ogni cosa (e che mi portò TUTTI i 150 atleti a ringraziarmi uno per uno con tanto di inchino e coda chilometrica fuori dal negozio per le PIN Kodak delle quali andavano matti, tutti…), i mitici 4 operai mongoli che tiravano su blocchi in cemento a mano nude e che riuscirono a montare la gradinata d’arrivo della pista 1 per 2500 posti in un giorno, il campione giapponese Tetsuya che stampava centinaia di foto delle sue discese per i fan del suo paese, Petr il responsabile della squadra olandese grande estimatore della cucina pugliese, l’incontro con il principe Alberto di Monaco ed il suo ‘Amico’ in incognito Ricky Martin, quel matto di Bode Miller che arrivava in elicottero perchè non abitava nel villaggio olimpico, Manuela Moelgg e le altre simpaticissime ragazze della valanga azzurra, Caterina la cassiera del minimarket all’interno del villaggio ma soprattutto le migliaia e migliaia di foto-cartoline realizzate con gli scatti notturni del sottoscritto che hanno invaso il mondo intero e che qui vi riproduco, nel caso ne aveste incrociata una…torino 2006 fiat
…come dite?                                                                                               VIP1
Sono questi i motivi più importanti di questa meravigliosa esperienza e non l’aver conosciuto…VIP2
Avril Lavigne, Elisa, Ligabue, Ricky Martin, Valeria Marini, Gianluca Vialli, Gustav Thoeni, Deborah Compagnoni, Andrea Bocelli, Mario Cipollini, Carolina Kostner, Rainold Messner, Alex Zanardi, Fabio Capello, Lilian Thuram, Alessandro Del Piero,VIP3 Stefania Belmondo, Gianluca Pessotto, Sara Simeoni, Nino Benvenuti, Giovanni Muciaccia, Pierino Gros, Andrea Zorzi, Edelfa Chiara Masciotta, Carla Bruni, Alberto Tomba e chissà chi altro?                                                                                                     Fiamma-Para Si, perchè la nostra olimpiade, noi torinesi l’abbiam vinta grazie alle migliaia e migliaia di volontari che, zainetto in spalla e sorriso a 42 denti, in tutte le lingue tranne la nostra davano conforto a chi venne in quei 20 giorni di tourbillon emotivo che ancor oggi riecheggia nella nostra Anima.

-the flame

La passione abita qui

-Porta nuova cerchi 1

…a Torino, la mia Torino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...